snopy a natale

Il Natale da copertina |- 5

Ansia da “Il giorno di Natale  che fai?”  E vogliamo parlare poi dell’ultimo dell’anno? Dio Santo fammi svegliare il 3 gennaio per favore! (non il 1 o il 2 perchè sono ugualmente  giorni a rischio!)

Chi si è separato da poco  affronta il grande dilemma: pranzo con l’ex, per i figli che ci tengono ad avere intorno la famiglia riunita, oppure stabilire da subito le nuove regole da qui a per sempre, del tipo “ognuno a casa sua, e i giorni di festa metà per ciascuno?”

Chi è divorziato da anni, forse, ha un vago ricordo della zia Rosetta, sorella della suocera, che gli capitava sempre seduta accanto e che non capiva niente di quello che si diceva. Fosse solo per questo è felice di passare il giorno di Natale altrove, anche se in realtà l’altrove a cui sta pensando si popola ugualmente di altre “zie Rosette”, perchè, come scriveva il grand Lev Tolstoj  nell’incipit di Anna Karenina:  “Ogni famiglia è felice, ogni famiglia è infelice a modo suo”. E poi i single da sempre, che, ormai adulti, si trasformano in Babbi Natali per la gioia dei figli della sorella, che lei sì è stata brava e si è sposata e ha messo al mondo tre bambini rumorosissimi nel giro di pochi anni. Passerà in fretta e al rientro a casa, spalmati sul divano con un joystick in mano, potrà finalmente ritrovare la calma di sempre, e una birretta perchè no con la quale concludere bene la serata: rimpianti? perchè mai, la vita è ancora lunga no?

Poi abbiamo il vedovo/a. Questa categoria di persone forse soffre più di tutti gli altri. Anni felici di appartenenza ad un  qualcosa che ad oggi non c’è più. Invitati dai figli cercano conforto a ricordi dolorosi di antiche felicità e non sanno a chi confidare il senso di smarrimento che provano, per non turbare chi, per fortuna, vive felice e spensierato la tavola tutta rossa e verde colma di panettoni, torroni e vischio attaccati sopra  le porte.

I conti, come si dice, sono presto fatti: non pensiamo a queste giornate come alle uniche della nostra vita. Che le accogliamo con allegria, ansia, sopportazione, rassegnazione o speranza in un modo o nell’altro, ricordiamoci che  è delle nostre vite che stiamao parlando e che  ogni caso, le feste di Natale, rappresentano una parentesi nelle nostre vite di tutti i giorni: non carichiamole di troppi carichi.

L’anno girerà la boa , e tutto ricomincerà.  Il tempo che passa, è il nostro e ci appartiene: se non riusciamo a farcelo piacere, passiamo all’azione E PROMETTIAMO AL NUOVO ANNO CHE TUTTO SARÀ DIVERSO.Come? Se lo sapete scrivetecelo, magari sarà di aiuto a chi la pensa come voi!

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Amori&Psiche è un’agenzia matrimoniale esclusiva e riservata.

Luogo d’incontro tra persone per bene, davvero pronte a mettersi in gioco.

Scopri chi siamo e a chi ci rivolgiamo

CLICCA QUI 

IL BLOG DI AMORI&PSICHE

Storie dei nostri iscritti, dietro le quinte dell’agenzia, favole, video, e molto di più. Ogni contenuto scritto di questo blog è soggetto a copyright.

Inviaci i tuoi commenti, pensieri e foto postando alla nostra pagina Facebook o via email!

Archivi