avevamo-18-anni

Quando avevamo 18 anni….

Cosa succedeva nella vita nostra quando avevamo 18 anni?
La sera ci si addormentava programmando strategie su come conquistare qualcuno.
Vivevamo in funzione di quel nuovo bacio, di uno sguardo rubato, di un acquisto che ci avrebbe certo resi irresistibili.
L’amore come un manto copriva ogni pensiero e il resto erano solo comparse che si muovevano attorno al battito del cuore del momento.
Si studiava, certo, ma l’impegno era propulsore di nuove occasioni di incontri.
Le gite venivano attentamente vagliate se condivise con le classi più alte.
E poi c’era lei.
La musica che batteva forte e accompagnava ogni momento, ogni situazione, ogni emozione della nostra giornata.
C’erano le radio, e il massimo era conoscere o “andare” con qualcuno che ci lavorava.
E poi le moto, con le quali andare al mare, buttandosi sui sassi con degli  asciugamani sempre umidicicci  perchè non si aveva mai il tempo di lasciarli asciugare per bene.
E poi le lacrime.
Quante tonnellate di lacrime versate in solitudine o sulla spalla di qualcuno. 
Un tradimento, uno scalino sceso invece che salito, un anno perso, un amico a terra, giovanissimo come noi, finito contro una macchina .. e come uno schiaffo il realizzare che …no, non si è mai invincibili.
Giornate piene di sogni e di azioni che terminavano velocemente e rimanevano indietro con facilità, subito sostituite da altre parole, da altre vite, altri incontri.
E poi la famiglia grandissima, con un sacco di nonni dai quali andare  a pranzo ogni tanto che cucinavano per te le cotolette e  patate fritte, perchè erano il tuo piatto preferito.
I genitori poi giovanissimi, a volte troppo occupati e la possibilità di mentire,  rientrando alle 5 del mattino dopo una festa pazzesca e milioni di baci dati ad un passaggio  a  livello  che tirava su e giù la sbarre senza mai vederti attraversare.
Ti amerò per sempre, per sempre, per sempre.
Che meraviglia pronunciare queste promesse credendoci davvero.
Oggi siamo grandi accidenti.
I pensieri sono cambiati e se anche  più soli non piangiamo più disperati.
Abbiamo fatto scelte importanti, messo al mondo i nostri figli, ci siamo sposati, ci siamo divorziati, abbiamo perso e ritrovato.
E non ci siamo amati per sempre.
E poi, all’improvviso, seduti in una sala al buio di un teatro una canzone cantata fortissima ci riporta ai capelli biondi al vento che ci stavano sempre davanti alla faccia,
e quella sensazione di forza torna prepotente.  
Guardandoti intorno, 
ti accorgi che è così per tutte quelle bocche spalancate che cantano ” non sarà un’avventura, non può essere soltanto una primavera…tu sei mia, soltanto mia…” ed è un muro di mani alzate che ondeggiano e visi felici finalmente di nuovo
leggeri e svuotati .
Una serata, una canzone, e il nostro passato torna a ricordarci che la vita di cui abbiamo davvero bisogno è quella fatta di emozioni.
Di abbracci.
​Di baci.
Tutte cose che, mi spiace, ma non si potranno mai comprare.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Amori&Psiche è un’agenzia matrimoniale esclusiva e riservata.

Luogo d’incontro tra persone per bene, davvero pronte a mettersi in gioco.

Scopri chi siamo e a chi ci rivolgiamo

CLICCA QUI 

IL BLOG DI AMORI&PSICHE

Storie dei nostri iscritti, dietro le quinte dell’agenzia, favole, video, e molto di più. Ogni contenuto scritto di questo blog è soggetto a copyright.

Inviaci i tuoi commenti, pensieri e foto postando alla nostra pagina Facebook o via email!

Archivi