Dietro le quinte dei balocchi |Tv, prestese, amiche di troppo, e altre storie

Oggi un dietro le quinte davvero singolare. Lei 69 anni, rossa, riccia, truccata, gambe snelle e vestiti aderenti. Il tempo m’ha dimentica, dice. Si presenta da noi alla ricerca di un fidanzato aitante, sportivo, ballerino, benestante e ovviamente di bella presenza. Mentre ci aspetta fà le selezioni per partecipare ad un programma televisivo in cui viene accolta. Nei mesi a seguire, fra una registrazione e l’altra le presentiamo tre persone e nessuna le va bene. Inalberata, ogni volta dice“ragazze, ma voi allora non avete capito niente di me!”

Esce dal programma e si avvia al quarto incontro. Lui è un uomo perbene, non grande ballerino ma disponibile a provare dice, vedovo e benestante, non aitante per carità, ma educato e gentile e allegro.. Tre anni più di lei. L’appuntamento viene ritardato più volte perchè lei ha un’amica del programma ospite e……. “Non ti porterai mica all’appuntamento con la tua amica?” Ovvio che no, che scherziamo ribatte lei quasi offesa dalla nostra puntualizzazione. Invece è proprio così che andranno le cose. All’aperitivo (una cena no, per carità troppo lunga!) va con l’amica. Ma lei è andata a farsi un giro, mica è stata lì con noi, obbietterà poi quando le chiederemo conto della privacy violata del nostro iscritto.

Al nostro silenzio di risposta giunge soltanto una voce di sottofondo (dell’amica) che dice  “lascia perdere e torna al programma con me, là sì che succedono cose vere e divertenti!” Non so a voi, ma a me  è venuto in mente Lucignolo che trascina Pinocchio con se fino a che entrambi diventano ciuchini. Ah davvero, la realtà spesso supera qualsiasi fantasia!

Voi cosa fareste o direste a questa signora?

Buona giornata.

Una storia carina, dietro le quinte di una nostra iscritta

Il nostro”Dietro le quinte” oggi racconta la storia di una ragazza che ama tanto, tanto, i Pooh. Li segue  sempre, da sempre. Ci chiama circa un anno fà da una regione del centro Italia e con il treno (perchè non si fida a guidare tanto) ci raggiunge, in una giornata bella di primavera, nella nostra sede. In realtà, con la nostra bella macchina sponsorizzata, andiamo a prenderla in stazione. Da allora tre incontri , in lenta successione, alle quali va armata di fiducia, biglietto del treno e moltissimi sogni d’amore. Le persone incontrate sono sempre, a sua detta, carine e gentili, ma quel qualcosa in più non scatta. La nostra amica ha un buon lavoro, stabile, ma, vivendo del solo suo stipendio,  chiede di affrontare i pagamenti rateizzandoli in diverse tranches, che, puntualmente e senza mai bisogno di sollecitazioni, assolve con precisione. La premessa è doverosa per raccontare l’epilogo.

Al quarto incontro scatta qualcosa di differente e se saranno rose lo sapranno gli interessati solo “vivendo” come cantava il grande Lucio, ma noi di Amori&Psiche, per premiare la sua determinazione, la sua fiducia e coerenza nel rispettare sempre gli impegni presi con noi e con le persone proposte, abbiamo deciso di non farle pagare questo (speriamo) ultimo incontro, forse davvero il più baciato da Cupido.

Lei reagisce come ci aspettavamo, con gratitudine, scrivendoci  parole dettate dal cuore che riportiamo fedelmente. Noi lo diciamo sempre: il buon lavoro va pagato, ovviamente, ma non è sempre e solo una questione di soldi. Siamo felici e soddisfatte e andiamo avanti, allegre e ottimiste perchè la fortuna aiuta sempre gli audaci, e i nostri iscritti lo sono davvero moltissimo! Buonissima giornata a tutti i nostri “amoripsichini”!