Mi SENTO SOLA…

La signora che si è iscritta ieri alla nostra agenzia è una persona davvero per bene. A 60 anni ed è  in pensione ma ha scelto di continuare, part time,  a lavorare. Figli grandi, casa grande, ore grandissime, se trascorse  da sola!
Ama molto la sua famiglia e quando rimase vedova suo figlio più piccola aveva solo 11 anni.
E’ molto orgogliosa di sè,  comunque.
Si è data da fare, rimboccata le maniche come si dice ed oggi si ritrova serenamente ad affrontare una vita tranquilla, ma, troppo solitaria.
Cerca un uomo più o meno della sua età, alto, perchè lei lo è, e allegro.
Che ami viaggiare, passeggiare, andare al cinema e …mangiare, perche lei è una bravissima cuoca e adora preparare per gli altri piatti semplici ma gustosi.
Abita nella Vallesina ed è importante per lei che il suo lui abiti non lontano da lei.
Vuole vederlo spesso e condividere con lui anche le piccole cose.
La nostra amica è vedova da tanti anni e dell’unica relazione avuta in questo periodo ci ha detto: “per lui ero l’ultima degli ultimi: venivo sempre dopo. Dopo i figli, la madre la zia, gli amici, anche dopo il cane che se andavo da lui a pranzo qualche volta (rara) mi mangiava nel piatto.”
Anna è molto calma e sorridente, buona certamente e senza grandi richieste.
Vorrebbe amare di nuovo ed essere amata, con calma, prudenza, facendo i passi giusti piano piano, uno dopo l’altro perchè la strada, come ci ha detto lei, è molta quella percorsa ma ancora lunga davanti, e da sola, non le piace per niente.
Sei forse tu la persona che lei sta cercando? Chiamaci e proveremo a capirlo insieme.
​Ah, non sopporta l’avarizia, quindi, sii generoso con lei e la conquisterai!

Vola basso, ma guarda verso l’alto!

Credete anche voi che sia meglio stare zitti, quando si hanno dei progetti dentro la testa?
No?
Allora smettete di leggere ma, se al contrario vi  siete trovati a combattere contro quel non so che di strano che all’improvviso inizia a capitarvi allora è un’altra faccenda: seguitemi nella ricerca dei rimedi universali, e proponetene di altri, se ne siete a conoscenza!

1. Non parlate mai con nessuno del vostro progetto. Nemmeno con il vostro più caro e fedele amico: fino a che tutto non è ben certo e definito, resistete alla tentazione. 
2. Durante il periodo di attesa posizionate un bicchiere rovesciato in un angolo della casa con tre chicchi di sale grosso dentro ( rimedio antichissimo, non verificato, ma tentar non nuoce!)
3. Non pensate ossessivamente ogni minuto a quanto state aspettando. Dimenticatevi di essere in attesa di una risposta.
4. Se vi trovate a parlare con chi sapete voi, alla domanda “come và?” rispondete sempre con un prudentissimo” mhà, così così” e poi abilmente spostate l’attenzione su di lui/lei ” e  tu? Cosa mi racconti?”
5. Non sbandierate mai e poi mai successi o felicità. Mostratevi sempre leggermente instabili senza mai accennare a progetti futuri. 
6. L’essere sicuri di sè, non ha niente a che fare con l’essere maleducati: mantenete la vostra gentilezza, senza mai farvi ingannare però dai falsi sorrisi.
7. Non buttatevi nel racconto confidenziale delle vostre cose con chi non vi vuole bene. E’ come un tuffo in una piscina senza acqua
8. Tenete d’occhio gli occhi del vostro interlocutore: se si abbassano, se non guardano mai dritto, se addirittura vengono chiusi nelle ricerca di una parola appropriata, smettete di parlare, trovate una scusa e andatevene.
9. Ricordatevi sempre che le cose più brutte a volte  vi vengono dette con un sorriso sulle labbra.
10. Non perdete mai la vostra innocenza. Ma imparate a capire a chi donarla.